Vai al contenuto della pagina
SISTEMA INFORMATIVO DEI TRASPORTI DELLA SARDEGNA

Collegamenti nazionali

 
Trasporto aereo
Continuità territoriale
Le politiche di continuità territoriale aerea sono uno dei cardini per lo sviluppo economico della Sardegna. L’obiettivo della continuità territoriale è quello di garantire la possibilità a tutti i cittadini di spostarsi nel territorio nazionale o comunitario con pari opportunità, accedendo ad un servizio che garantisca condizioni economiche e qualitative uniformi.

La Legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, commi 837 e 840, prevede il trasferimento dallo Stato alla Regione Sardegna delle funzioni relative alla continuità territoriale. Tale Legge rappresenta una svolta nel senso dell’attribuzione alla Regione Autonoma della Sardegna di un ruolo principale nella definizione della propria continuità territoriale aerea.

Con la decisione 2007/332/CE la Commissione Europea, sulla base del Regolamento comunitario 2408/92 (abrogato e sostituito dal Regolamento comunitario n° 1008/2008 del 24 settembre 2008, recante norme comuni per la prestazione di servizi aerei nella Comunità) ha approvato il regime di oneri di servizio pubblico sulle rotte che collegano la Sardegna con le principali destinazioni nazionali.

Imporre oneri di servizio pubblico significa rendere obbligatorio lo svolgimento di un servizio aereo secondo criteri di continuità, regolarità, capacità e tariffazione cui i vettori non si atterrebbero se tenessero unicamente conto del proprio interesse commerciale.

La disciplina della Continuità territoriale aerea in Sardegna è regolata attraverso alcuni decreti ministeriali:
- il Decreto Ministeriale n. 103 del 05 agosto 2008 che impone oneri di servizio pubblico sui collegamenti con Roma e Milano dai tre principali aeroporti sardi in vigore sino al 26.10.2013;
- il Decreto Ministeriale n. 61 del 21 febbraio 2013 che impone oneri di servizio pubblico sui collegamenti con Roma e Milano dai tre principali aeroporti sardi in vigore a partire dal 27.10.2013;


Roma e Milano
Il Decreto Ministeriale n. 103 del 05 agosto 2008 ed il Decreto Ministeriale n. 61 del 21 febbraio 2013 regolano l’imposizione di oneri di servizio pubblico, con riferimento a frequenze minime, orari, capacità offerta e tariffe, sulle rotte per Roma Fiumicino e Milano Linate dai tre principali aeroporti sardi.
A seguito della gara per l’assegnazione in esclusiva dell’esercizio dei voli, da e per la Sardegna, con compensazione economica, le rotte onerate sono operate, a partire dal 27.10.2013 per i successivi 4 anni, dai vettori:

- Cagliari - Roma Fiumicino operata da Alitalia
- Cagliari - Milano Linate operata da Alitalia
- Olbia - Roma Fiumicino operata da Meridiana Fly
- Olbia - Milano Linate operata da Meridiana Fly
- Alghero - Roma Fiumicino operata da Alitalia
- Alghero - Milano Linate operata da Alitalia



Altri collegamenti
L'offerta dei collegamenti nazionali è completata da numerosi altri servizi che collegano i tre aeroporti isolani con diverse destinazioni nazionali.

Per ricercare i collegamenti esistenti e i relativi orari accedere alla sezione Muoversi da e per la Sardegna.

Documenti correlati
Decisione n. 1712 della Commissione Europea del 23 aprile 2007
Regolamento (CE) n. 1008/2008 Del Parlamento Europeo e del Consiglio del 24 settembre 2008 [file.pdf]
Decreto Ministeriale n. 103 del 05 agosto 2008 [file.pdf]
Decreto Ministeriale n. 413 del 29 novembre 2011
Decreto Ministeriale n. 61 del 21 febbraio 2013o 2013
  • Repubblica Italiana
  • Unione Europea
  • La Sardegna cresce con Europa
© 2016 Regione Autonoma della Sardegna