Vai al contenuto della pagina
SISTEMA INFORMATIVO DEI TRASPORTI DELLA SARDEGNA

Disposizioni per il contrasto e la prevenzione della diffusione epidemiologica da COVID-2019 nel territorio regionale della Sardegna

Con decreto n.117 del 14.03.2020 del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro della salute, i cui termini sono prorogati al 17 maggio dal decreto n. 183 del 29.04.2020, il trasporto passeggeri da e per la Sardegna con modalità aerea e marittima è sospeso, salvo autorizzazione da parte del Presidente della Regione esclusivamente per dimostrate ed improrogabili esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute. La modalità aerea, inoltre, è consentita esclusivamente dall’aeroporto di Cagliari.
A seguito dell’entrata in vigore del DPCM 22 marzo 2020, è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute.
Le Ordinanze del Presidente della Regione dispongono che le autorizzazioni straordinarie per l'imbarco possano essere richieste dai passeggeri, esclusivamente per le esigenze previste dal citato decreto, attraverso il modulo on line presente nella sezione “NUOVO CORONAVIRUS” del sito istituzionale della Regione Sardegna.
Tutti i soggetti in arrivo in Sardegna hanno, inoltre, l'obbligo di:
- osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario per 14 giorni, con contestuale divieto di circolazione sull’intero territorio regionale;
- comunicare tale circostanza al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta o all'operatore di sanità pubblica del servizio di sanità pubblica territorialmente competente;
- compilare il modulo di autodichiarazione  presente nella sezione  nella sezione “NUOVO CORONAVIRUS” del sito istituzionale della Regione Sardegna;
- avvertire immediatamente, in caso di comparsa di sintomi, il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o l'operatore di sanità pubblica territorialmente
competente per ogni conseguente determinazione, rimanendo raggiungibile per ogni attività di sorveglianza.

É disposta, inoltre, la riduzione dei servizi di linea e non di linea erogati dalle aziende di trasporto pubblico locale (TPL) su tutto il territorio regionale, avendo cura di mantenere in esercizio i soli collegamenti essenziali per ogni modalità di trasporto, come previsti dalle direttive
  • Repubblica Italiana
  • Unione Europea
  • La Sardegna cresce con Europa
Creative Commons License 2020 Regione Autonoma della Sardegna